22 July 2017

All Black on the top

ott 26th, 2011 | Di Donovan | Categoria: Sport

Settima edizione del Mondiale Ovale nella bellissima terra neozelandese e seconda affermazione finale per i Tuttineri padroni di casa (favoriti dai pronostici e non solo perchè giocavano tra le mura amiche) che bissano il successo della prima, storica edizione dell’Anno Domini 1987. Pure nell’atto finale di ventiquattro anni più tardi gli All Blacks regolano in finale i nostri cugini d’Oltralpe (29 a 9 la prima volta, 9 a 8 l’ultima).

Ma andiamo con ordine, narrando  anche le gesta dei  nostri Azzurri d’Italia, in un Torneo sicuramente avvincente ma troppo, troppo dilatato nei tempi (quasi 50 giorni !!!).

Si parte ad inizio Settembre con venti squadre suddivise in 4 gironi, con passaggio del turno delle prime due classificate. L’Italrugby è nel girone C, in compagnia di Austtralia, Usa, Irlanda e Russia. Speranze pochine ma possiamo giocarcela con i Verdi d’Irlanda quantomeno per uno storico passaggio ai quarti fi finale.

Esordio pressocchè proibitivo – sabato 10 settembre – contro  i canguri australiani che giocano ad un’ora (di aereo) da casa: finisce nel solito modo (32 a 6 per loro) ma il nostro primo tempo è al limite del grandioso.

Peccato che nella ripresa crolliamo di botto, gli australiani ci fanno 4 mete filate e ti saluto Ninetta…

Niente di male, sinceramente il gap tra le due compagini è ancora troppo ampio.

Ci aspettano gli Orsi russi, con i quali ci incrociamo dieci giorni dopo l’esordio (martedì 20 settembre): gara convincente, nove mete azzurre e 53 a 17 per noi al termine degli 80 minuti (effettivi) di gioco.

I sovietici sono più Orsetti che Orsacci ma la vittoria è limpida (e ci voleva).

Passono sette giorni e ci toccano gli USA che, nella palla ovale, non sono certo mostri come nel basket (o nel football naturalmente americano o nel baseball). Come da pronostico vinciamo abbastanza facile: 27 a 10,

quattro  mete segnate (che ci permettono di avere un bonus in classifica). Prima parte un poco tentennante, secondo tempo più in scioltezza e vittoria meritata.

E venne la gara decisiva contro l’Irlanda, in programma la prima domenica di ottobre.

Chi vince, passa. Dentro o fuori. Le aspettative, considerati  gli incontri nel Sei Nazioni più recenti, sono un tantino positive anche perchè gli avversari non è che abbiano incantato.

Si parte ed i primi 40 minuti (effettivi) di gioco fanno ben sperare: 9 a 6 per i Verdi ed un intera frazione di gioco per superarrli nel punteggio e volare ai quarti (ove il Galles attende notizie).

Ed invece, come all’esordio iridato: crollo verticale nella citata ripresa, tre mete di fila degli Iralndesi che ci schiantano letteralmente nel fisico e- soprattutto- nel morale. Noi rimaniamo a 6, loro chiudono a 36.

Finisce mestamente l’avventura ma, diciamolo, è stato bello essere tra le prime venti del Mondo.

Il gruppo sembra esserci, è coeso ed è un buon mix tra vecchi e giovani leoni. Forse – dico forse- manca un  leader come lo erano Francescatto o  Troncon.Si atrtendono confortanti notizie in tal senso.

La mano passa dal bravo Nick Mallett ( british gentleman  sino in fondo pur sapendo della fine del contratto con la italica Federazione) al francese Jacques Brunel che, tanto per gradire, esordirà ufficilamente tra un due/tre mesi contro la Francia nel Sei Nazioni 2012……….

Vabbè, vediamo come va a finire.

Il tabellone sembra aver combinato uno scherzo, con quattro europee nella parte di destra (Irlanda, Francia, Galles ed Inghilterra) ed il resto del Mondo nella parter sinistra (Australi, Nuiva Zelanda, Argentina e Sudafrica campione uscente).

Come volevasi dimostrare il Galles batte senza problemi  (22 a 10) l’Irlanda e va in semi-finale.

La Francia si vendica delle due eliminazioni per mano albionica del 2003 e 2007 e rifila un 19 a 12 ai rivali di sempre : risultato in ogni caso bugiardo perchè la supremazia dei Cugini è nettissima (16 a 0 il primo tempo, tanto per capirci).

Negli altri due quarti vittorie (quasai) scontate per i rivali di sempre: l’Australia  batte il Sudafrica 11 a 9 (probabilmente il match più intenso e tirato di tutto il Mondiale) mentre gli All Blacks tartassamo i Pumas argentini per 33 a 10.

Vai con le semifinali.

Francia-Galles termina con i Galletti transalpini  vincitori di un misero punticino (9 a 8 ) contro i superbi ed orgogliosi Gallesi a cui va l’onore delle armi (più qualche amara lacrimuccia di nascosto, lontano dai flash delle telecamere…)

La seconda gara non ha proprio storia: prova di forza perfettamente riuscita dei padroni di casa che schiantano gli Australiani 20 a 6.

E’ la terza finale per il titolo per entrambe le nazionali: due sconfitte per i Franciosi (1987  e 1999); un alloro (1987) ed un secondo gradino (1995) per gli All Blacks.

Il giorno prima, a dire al vero, c’è la finale del terzo posto (che non frega a nessuno, ma bisogna giocarla).

Vincono i più riposati Cangurotti australiani (21 a 18) contro i più scarichi Gallesi (ma come fierezza – anche storicamente – secondi a nessuno).

Ultimo atto domenica 23 ottobre. Stadio di Aucland, davanti ad un muro vociante di 61mila e passa  spettatori: spettacolare-come sempre -la Haka neozelandese ed ancor più scenografica la risposta dei Cuginastri (una freccia umana che si scaglia contro i muscolosi  danzatori).

La spunta la Nuova Zelanda per un misero punticino (8 a 7). Pubblico in delirio, un intero Paese in festa.

La verità è che è stato un incontro decisamente bruttino, giocato (ma è logico) sul filo dei nervi.

E ad essere sinceri la Francia – mai così bella come in questo Mondiale- il titolo di Campione del Mondo lo avrebbe maggiormente meritato.

Ma si sa: non c’è il due senza il tre (ed il quattro vien da sè….).

Appuntamento  tra quattro anni in Inghilterra.

P.S. Ciao Sic (per ora).

English Spagnolo Portoghese Français Tedesco Chinese Olandese Greco Finlandese Polacco
Tags: , ,
del.icio.us:All Black on the top digg:All Black on the top spurl:All Black on the top wists:All Black on the top simpy:All Black on the top newsvine:All Black on the top blinklist:All Black on the top furl:All Black on the top reddit:All Black on the top fark:All Black on the top blogmarks:All Black on the top Y!:All Black on the top smarking:All Black on the top magnolia:All Black on the top segnalo:All Black on the top gifttagging:All Black on the top

Lascia un commento

Add to Technorati Favorites